La massaia e il letterato

La massaia e il letterato

Sei quasi brutta, priva di lusinga

nelle tue vesti quasi campagnole,

ma la tua faccia buona e casalinga,

ma i bei capelli di color di sole,

attorti in minutissime trecciuole,

ti fanno un tipo di beltà fiamminga…

M’era più dolce starmene in cucina

tra le stoviglie a vividi colori:

tu tacevi, tacevo, Signorina:

godevo quel silenzio e quegli odori

tanto tanto per me consolatori,

di basilico d’aglio di cedrina…. 

G. Gozzano

Trecce dorate. Trecce di fanciulla. Trecce di pasta dipinte di rosso. 

Aria di casa, tepore della cucina: semplice quotidianità dal profumo di basilico fresco.

Gente alla buona, forse anche un po’ ignorante; gente pratica, buona di cuore, pronta a offrire ogni cosa.

Questo invidiano gli uomini colti, gli esteti altezzosi, intellettuali, condannati a soffrire perché soliti a pensare anche troppo. È nel vuoto del giorno che spunta il dolore, quella noia infida, insidiosa, pronta a pungere come una vespa dispettosa. 

Quanto, invece, quelle trecce di pane sembrano parlare d’altro. Portano lontano, in quella cucina, tra l’odore intenso dell’aglio e l’aroma di basilico. Niente preoccupazioni: si pensa a non bruciare l’impasto. Si pensa alla cena, a stendere il bucato. Pensieri volgari, “del volgo” appunto. Pensieri semplici, banali, ma tanto più dolci. E se uno ha le vespe che ronzano attorno alla testa, una brava massaia si circonda di farfalle. Pensieri leggeri, colorati: come quel rosso del pomodoro, deliziosamente punteggiato di semi di papavero. E se qualcuno la reputa ancora una vita vuota, forse è perché non ha guardato a fondo. O assaporato, a fondo. 

Maestria nel far lievitare, perché non è cosa da tutti. Viaggi lontani, per scoprire le spezie. Mani forti, vigorose, abituate a impastare. Al letterato la penna, alla cuoca il matterello. E poi, trepidanti istanti in cui modellare la forma: creatura delicata nelle proprie mani. 

Con la partecipazione di Gucci

Un profumo di pane circonda la fanciulla e l’uomo. Uno soffre, l’altra gioisce: la crosta è croccante, l’interno è fragrante. “Ne prenda un pezzo anche lei… sentirà che buono signor Avvocato!”

Materiali per il set forniti da Rinascente

Related Posts

Il sapore del successo

Il sapore del successo

Perfezione. L’impeccabile. L’ineccepibile. Questo ci si aspetta sulla ceramica scintillante di un ristorante da tre stelle Michelin. Il cibo è arte, armonia, bellezza. Colori che si intrecciano e uniscono profumi e luoghi remoti tra loro. Il cibo avvolge tutti i sensi; dall’antipasto al dessert, un […]

Cappuccino e girella all’uvetta

Cappuccino e girella all’uvetta

Ci sono certe mattine in cui ci vuole un buon motivo per alzarsi dal letto. Un motivo non scontato, che non sia non la prospettiva della solita colazione. Un cappuccino e una girella di pasta sfoglia cadono a pennello; tanto più se serviti in uno […]